13/09/2005 Wilderness  
Le aree Wilderness della Lapponia finlandese

La Lapponia settentrionale della Finlandia è caratterizzata da una natura selvaggia e “brutale” dove la cattiva mano dell’uomo trova poco spazio. Dal 67 parallelo nord al 70°, vi sono oltre due milioni di ettari di territorio protetto, di cui un milione e mezzo di aree wilderness. Queste aree wilderness, dodici in tutto, sono state designate da apposita legge governativa nel 1991. Sono aree dove non vi sono strade e non vi è consentito cotruirne alcuna. La natura è lasciata al suo libero svolgersi e finanche l’escursione non è assistita da sentieri segnati, ma dal libero muoversi con l’ausilio di capacità e di apposite mappe e bussola.
Queste superbe lande sono anche la casa del popolo dei caribù, i “Sami”, che qui vivono allevando allo stato brado migliaia di renne. Questi luoghi sono dunque importanti anche per la salvaguardia della loro cultura e delle loro tradizioni.
Le aree non sono precluse ed è possibile esercitarvi anche l’attività venatoria, ma non ci sono facilitazioni o strutture turistiche, con la sola eccezione di qualche spartano rifugio che nella maggior parte dei casi sono opera proprio dei Sami. E’ possibile accedervi solo a piedi e, come detto, per muoversi è necessario avere una certa esperianza e saper leggere bene le mappe. Non viene praticata alcun tipo di gestione e le aree solo lasciate a se stesse, nel loro libero dispiegarsi.

Ma vediamo ora nel dettaglio qualche caratteristica.

Numero delle aree: 12
Ettari complessivi protetti: 1,5 milione ca.
Ente gestore: Metsähallitus (Park and Forest service. Ente simile al Corpo Forestale dello Stato)
Sorveglianza: come in tutte le aree protette della Finlandia, non vi sono corpi di sorveglianza visto l’alto grado di autodisciplina delle persone!! (anche l’attività venatoria è autoregolamentata)

Le 12 aree nel particolare:

Hammastunturi Wilderness Area
Estensione: 1.825 kmq
Kaldoaivi Wilderness Area
Estensione: 2.924 kmq
Kemihaara Wilderness Area
Estensione: 302 kmq
Käsivarsi Wilderness Area
Estensione: 2.206 kmq
Muotkatunturi Wilderness Area
Estensione: 1.570 kmq
Paistunturi Wilderness Area
Estensione: 1.570 kmq
Pulju Wilderness Area
Estensione: 614 kmq
Pöyrisjärvi Wilderness Area
Estensione: 1.280 kmq
Tarvantovaara Wilderness Area
Estensione: 670 kmq
Tsarmitunturi Wilderness Area
Estensione: 150 kmq
Tuntsa Wilderness Area
Estensione: 212 kmq
Vätsäri Wilderness Area
Estensione: 1.550 kmq

Estensione totale: 14.873 kmq


Queste grandi aree non sono isolate dal contesto, ma spesso sono contigue ad altre aree protette di notevole estensione. Le principali sono:

Lemmenjoki National Park
Estensione: 2.850 kmq (una delle più grandi aree protette d’Europa dopo Kaldoaivi Wilderness Area)
Urho Kekkonen National Park
Estensione: 2.550 kmq
Pallas-Yllästunturi National Park
Estensione: 1.020 kmq
Kevo Strict Nature Reserve
Estensione: 712 kmq
Estensione totale: 7.132 kmq
Totale aree wilderness/altre aree: 22.005 kmq.


C’è da rilevare che contiguamente, nei territori di confine, insistono altre immense aree protette nei tenimenti norvegesi e russi (saliamo così a quasi tre milioni di ettari protetti).
Particolare contiguità si riscontra nell’area wilderness Hammastunturi che è posta in mezzo tra il parco di Lemmenjoki e quello di Urho Kekkonen per una superficie totale protetta senza soluzione di continuità di 7.225 kmq (quindi oltre 700.000 ha).

Occorre innanzitutto sottolineare che le aree wilderness proteggono tutti i caratteristici habitat del grande nord; dalle paludi, alle foreste di conifere e di betulla, dai laghi ai grandi fiumi, dalle zone di pianura ai tunturi (termine finlandese per indicare le alture di questa regione) e così via. Gli ampi spazi, dispersi a perdita d’occhio, sono l’ambiente ideale per la fauna del nord: alci, renne, lupi, orsi, ghiottoni, linci, aquile reali, allocchi di Lapponia, ecc.
Un’escursione in un’area wilderness della Lapponia genera un grande senso di entusiamo per la natura selvaggia e ci porta a comprendere quanto valore abbia il mondo naturale se lasciato alla sua libera continuità. E’ scoprire in ogni angolo un scrigno di sorprese e di novità. Non si percepisce il senso dell’”addomesticato” e, quando ci si imbatte in un corso d’acqua, il fluire libero delle acque raccoglie lo spirito e lo indirizza verso lidi di abbandono e di meraviglia. Talvolta ci si imbatte in antichi ripari dei Sami e la fantasia corre a rimembrare la spartana vita di questo popolo del grande nord che viveva in uno stile a simiglianza delle tribù degli indiani nordamericani. C’è da dire che tutt’oggi, fatta eccezione per alcuni “modernizzazioni” (p.e. l’uso della motoslitta), i Sami svolgono un’attività ancora in una struttura legata al passato con una semplicità essenziale. Si ricorda che oltre 3.000 persone utilizzano ancora i “tepee” per ripararsi quando sono al seguito delle renne.
L’ineffabile respiro che si percepisce dinanzi ad un rosseggiante tramonto nordico, o gli armonici profumi che invadono l’aria durante le policrome fioriture primaverili negli ampi spazi della tundra, contribuiscono a diffondere nello spirito un profondo senso di pace, libertà e stupore. Ciò che gli spazi wilderness possono infondere nello spirito umano sono imparagonabili con le “plastificate” sensazioni che si percepiscono quando ci si muove nelle aree pur belle, ma profondamente “indirizzate” dalle manipolazioni dell’uomo. Spendere del tempo in un’area wilderness non solo aiuta a compendere cosa sia la vera natura selvaggia, ma arricchiscono lo spirito al punto tanto da farci comprendere a pieno l’espressione che “la natura selvaggia è sia una condizione geograifica che uno stato d’animo”. E le aree wilderness dunque rappresentano l’ultimo brandello di quel che resta dl mondo slvaggio e della sua libera continuità!

La Finlandia è l’unico paese europeo ad aver legiferato in tema di aree wilderness, anche se differente rispetto al modello americano. La tranquillità dei luoghi, l’asprezza del clima, la poca accessibilità, la scarsissima popolazione, l’assenza di strade, l’ubicazione remota, ecc. sono tutti elementi che favoriscono al massimo il libero dispiegarsi dei ritmi naturali nelle belissime aree wilderness della Finlandia. Il Paese “delle favole e del freddo” offre un profondo senso di tranquillità e l’elevata corretteza sociale favorisce il dipiegarsi di un quotidianità completamente differente dal resto d’Europa. Un Paese dove il rispetto per il territorio è così insito nella gente che spesso rende superfluo l’emanazione di particolari leggi di severità e di buon comportamento. Non a caso, le aree protette non sono sorvegliate da alcuna tipologia di guardiania, tanto elevato è il senso di autocontrollo e di disciplina civica.
In conclusione occore ricordare che questa parte della Lapponia settentrionale è uno degli ultimi luoghi di ampia estensione ancora selvaggi rimasti oggi in Europa.


___________________

Per approfondire si consiglia vivamente di consultare questo altro nostro DOCUMENTO

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "Wilderness"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Luci del Nord
Galleria fotografica di Mario Spinetti
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb