25/08/2005 Ecologia  
L'ambiente è «finito» di Renato Cecchi

Fonte 1: Greenreport
Fonte 2: Arianna Editrice

L’economia sostenibile, il commercio equo e solidale, un sistema economico “a misura di umanità e natura” che eviti lo spreco e favorisca l’uso di merci prodotte nel pieno rispetto dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori. Un modo di pensare poco diffuso ma che consente di ragionare di globalizzazione dei capitali e della finanza e degli effetti sulla natura la cui evoluzione è ormai una sorta di appendice tecnologica di quella umana. E’ l’effetto di azioni spesso inconsapevoli dalla rivoluzione industriale in poi.
Ma, il secolo scorso è stato eccezionale in fatto di dimensioni del cambiamento sociale e tecnologico, economico e ambientale. L’eccezionalità del cambiamento è anche conseguenza non calcolata di scelte e modelli di carattere sociale, politico, economico/produttivi, culturali e di consumo adatti alle circostanze del secolo scorso: abbondanza di energia, acqua a buon mercato, rapida crescita della popolazione e ancor più rapida dell’economica.

Come la prima rivoluzione industriale rappresentò la “fine del lavoro”, nel senso che sul valore d’uso, concreto, prevalse il valore di scambio, l’attuale rappresenta la “fine dell’ambiente” perché la specie umana ne rompe i limiti per mezzo della tecnologia, sposta più in alto l’asticella dello sviluppo tecnologico e della crescita economica.

Ma i nostri modelli non sono facilmente adattabili, ad esempio, al mutamento repentino e imprevisto del clima, concomitante con il ciclo di grandi trasformazione politico-istituzionali globali che rendono la crisi dell’evoluzione ancora più problematica e inquietante. Non sorprenda perciò l’intensità del conflitto intorno ad un nuovo “contenitore di potere” o di un nuovo stabile ordine mondiale, qualunque esso sia.

Si è indebolita la sovranità economica nazionale, lo stato-nazione è diventato obsoleto, le “prove di impero” declinano e in un periodo di forte instabilità carico di grandi e travolgenti trasformazioni. La concomitanza della fine dell’ambiente con la crisi dell’ordine politico internazionale (la politica non è in grado di governare l’economia) porta, dalla crisi dello stato-nazione, a stati-mercato globalizzati.

Mentre lo stato-nazione “nasce e si legittima sulla promessa di accrescere il benessere materiale della nazione e la sua sicurezza, lo stato-mercato promette di massimizzare le opportunità economiche di ogni singolo individuo indipendentemente dai costi” (Bobbit) e dai rischi che riguardano, infatti, caratteri che vengono spesso trascurati. Il sistema economico/energetico è obsoleto ma il sistema delle corporations è concepito come “naturale” e immutabile; le “illusioni popolano il consumismo” e il mercato da istituzione storico/evolutiva si fa caos; l’economia si sgancia dalla politica (fenomeno ricorrente nella storia) e si lega a grandi e improvvise trasformazioni sociali, con enormi e insostenibili disparità di ricchezza e reddito. Trasformazioni economiche e sociali che si innestano con la crisi ecologica; forse questo le rende più profonde di tutti i tempi, sicuramente più vaste che, per essere governate, necessitano di nuove istituzioni globali e locali.





Fonte:
 

SITI SUGGERITI

 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Luci del Nord
Galleria fotografica di Mario Spinetti
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb