16/02/2006 Racconti  
L'Ecologia profonda nella narativa: Il punto di ascolto


....... Con profonda umiltà decisi di non riprendere più il mio viaggio a ritroso dal “punto di ascolto”, solatario e silente luogo dove lo spirito rientrava nella natura. Il mio peregrinare e la mia meta, forse più mentale, surreale ed interiore che fisica, mi indusse a riflettere bene poiché ora era forte in me la piena consapevolezza dell’amaro destino cui il genere umano a grandi passi si dirigeva ormai da troppo tempo. La mia ormai completa presa di coscienza sulla “verità nascosta”, mi spinse ad argomentare e a scrivere sul mio quaderno un ultimo passo riflessivo…...
“Il palese monito della comprensione rivolto al viaggiatore errante difficilmente verrà in sincerità compreso, soprattutto nella sua profondità. Infatti in ‘superficie’ si registrano molti segni di parziale consapevolezza, ma nel reale e nell’esecutivo i cambiamenti appaiono solo fittizi e ‘scenografici’. E’ come essere caduti nelle sabbie mobili: ci si aggrappa disperatamente a qualcosa per uscirne fuori, ma quel qualcosa è un effimero filo d’erba che velocemente si distacca. Ed allora l’affondare sarà inevitabile!
L’ultima frontiera della wilderness sta svanendo ormai sempre più. Un crepuscolo che conclude un giorno particolare, il cui giorno rappresenta lo stadio ultimo della vita libera ed incorrotta che ora, con il sopraggiungere delle tenebre, non si sa se l’indomani nella soffusa luce potrà continuare ancora ad esistere. Anche le vie più lunghe e tortuose prima o poi giungono al termine o al limite confluiscono in altre, ma ormai anche le altre hanno già esaurito il loro tragitto. Il cui andare, quindi, non potrà più dispiegarsi verso una consueta meta al di là da venire e si giunge, nella più profonda mestizia, alla conclusione che ormai non c’è più via da percorrere. Fermi, attoniti, ci si guarda intorno e ovunque si scorgono ampie distese fumanti che oscurano la profondità dei sensi visivi ed allora gli animi, perduti nell’ignoto, non scorgono più la via che potrebbero intraprendere. Nel paradosso ci si illude, ma solo per qualche istante, che una via, da qualche parte c’è, ignari che il nostro precedente andare ci aveva progressivamente portati verso il capolinea. Ed ora che l’incedere non è più concesso, nella mente riappaiono, tutto in una rapido baluginare di eventi, gli errori compiuti e le distruzioni perpetrate quando, all’epoca, si era sicuri che la via non sarebbe finita mai. Per conservare l’abbondanza, quando essa è tale, occorre amministrarla con parsimonia e con armonia, e mai, dico mai al di sopra delle sue capacità sostenibili e autogeneranti. In questo vi sono tutte le cose che lo spirito selvaggio, in un certo senso, non ha mai espressamente ‘detto’ perché lo ha sempre esternato, ogn’ora, nell’intimo e sottile legame che nell’introspezione regge e unisce ogni affinità elettiva. Noi non abbiamo voluto ascoltare sia perché il nostro procedere ce lo ha sempre impedito e sia perché il nostro agire non voleva affatto percepire l’essenza delle cose. Per tutta l’esistenza siamo stati troppo ‘occupati’ nella pratica del saccheggio di ogni qual cosa ci venisse a tiro - noi stessi inclusi – senza la pur minima parvenza di coscienza e, alla resa dei conti: a cosa servono le lacrime più amare, lacrime che sigillano con il loro potentissimo materiale collageno, le luci ormai fattesi tenebre? E, nell’immenso baratro che si apre, sarà inevitabile il precipitare senza soluzione di continuità nel più profondo degli abissi; ma, cosa ancor più grave e come atto di perfidia finale, arrecando seco ogni cosa esistente, animata e non che era apparsa in quella che fu chiamata ‘madre terra’.
Quando, dunque, il ‘vento selvaggio’ ci portava da sempre il monito degli errori, non abbiamo voluto in alcun modo percepirlo. Ma ora è forse troppo tardi per risalire dal profondo fosso, anche se eravamo stati fatti - parafrasando Rousseau - abbastanza forti affinché non potessimo cadervi. Quello che non poteva prevedersi è che noi abbiamo voluto rinunciare a quella forza!!”.


“La natura deve essere rispettata e salvaguardata per il suo valore in sé. E’ l'uomo che deve adattarsi alle sue esigenze e non viceversa. Se è possibile, si deve fare in modo che il mondo selvaggio viva nella sua libera continuità e nella sua fierezza, quella libertà e quella fierezza che l'uomo, prigioniero e schiavo delle proprie convenzioni, forse incosciamente invidia".

Dopo questa mia ultima, triste, quasi disperata constatazione, mi raccolsi profondamente nel mio io mentre osservavo, melanconicamente, le luci che filtravano tra il fitto della foresta. A quel punto sapevo che una volta che si è rientrati nello spirito dell’ultima frontiera della natura, la “saggezza” ci dice di non tornare, in nessun caso, mai indietro. E, con estrema angoscia, scrissi infine sul frontespizio del mio quaderno: “Se perderemo veramente il mondo selvaggio..... - parafrasando un famoso scritto (Cassandra di C. Wolf) - il dolore si impadronirà di noi. Ma grazie ad esso, dopo, e qualora un dopo ci sarà, ci rincontreremo e se dovessimo rivivere il selvaggio creeremo forse finalmente con esso un eterno rapporto di verità, di unione, d’infinito ed indissolubile rispetto.........”.


  • Vedi anche Racconti naturalistici



    Fonte:
  •  

    SITI SUGGERITI

     » FACEBOOK
    Per approfondire.......
     » La compassione Buddhista
    Leggere e meditare!
     » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
    Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
     » Napapiiri
    Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
     » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
    Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
     » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
    Performance by Natalie Cardone
     » Luci del Nord
    Galleria fotografica di Mario Spinetti
     » Associazione Eco Filosofica
    nel trevigiano
     » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
     » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
    di Jim Mason
     » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
    di Edward Abbey
     » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
    Finalmente pubblicato in italiano
     » Dai una mano alla Terra
    Video, by Greenpeace Italia
     » L'attitudine nefasta della civiltà
    di Andrea Bizzocchi
     » Elzbieta Mielczarek
    Le stelle nei tuoi occhi
     »  La pittura di Fabrizio Carbone
    Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
     » Il Chaga, il fungo della salute
    Un grande regalo dalla natura
     » Il miracolo del fungo Chaga
     » Il cuore che ride
    by Charles Bukoski
     » Only Time by Enya
    Dedidated to Elzbieta
     » Ecologia profonda
    Sito esterno collegato
     » Whitney Houston - I Will Always Love You
    Dedicated to Ela
     » La canzone di Ela
    A Te (To you)
     » Ora questa canzone la comprendo
    C'est la vie
     » Il regalo di Elzbieta
    I'll remember you forever
     » La morte non è niente
    S. Agostino
     » Franco Zunino
    Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
     » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
    by Felice Casucci
     » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
     » Lo scopo del sito
     » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
     » Verso un'Ecologia profonda
     » Il concetto del "valore in sé della natura"
     » L'Ecosofia T di Arne Naess
     » L'Ecologia di superficie
     » La religione
     » Etica della Terra I°
     » Etica della Terra II°
     » Olismo
     » Bioregionalismo
     » L'errore antropocentrico
     » La conservazione della natura
     » Manifesto per la Terra
     » Ecologia
     » WILDERNESS
     » Ecofemminismo
     » Dalla parte del Lupo
     » La conservazione dell'Orso bruno
     » Caccia
     » Pesca
     » Animal liberation
     » Vegetarianesimo
     » VEGAN
     » La rivoluzione ambientale
     » Il "progresso" è antievolutivo
     » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
    Recensione
     » Guido Dalla Casa
    Pubblicazioni
     » Guardare il mondo con gli occhi della natura
    Enzo Parisi
     » Foundation for Deep ecology
     » Ecologia profonda.it
     » Ecologia profonda
    Reti per il cambiamento
     » Ecologia profonda
    Wikipedia
     » Associazione Italiana Wilderness
     » AIW - Documento programmatico

    FOCUS

    Sito Online di Euweb